GIORNATA NAZIONALE IN MEMORIA DELLE VITTIME DI COVID-19

Giovedì 18 marzo sarà la Giornata Nazionale in memoria delle vittime di Covid-19.
E’ chiaro: il virus non è stato sconfitto e le vittime ci sono ancora, non si tratta di un capitolo concluso.
E’ una situazione un po’ anomala, il voler ricordare qualcosa che in realtà è ancora in corso.

Pensiamo tuttavia che, soprattutto nella bergamasca e anche a Martinengo, ci sia come un’urgenza fisica di ricordare quello che è accaduto un anno fa.
Ricordiamo il silenzio lungo le strade, contrappeso di una casa improvvisamente diventata fin troppo abitata. Ricordiamo i cellulari accesi di notte nel timore di ricevere qualche chiamata, il desiderio di urlare dai balconi in risposta a chi, sui balconi, ci cantava.

Ricordiamo soprattutto il senso di impotenza provato nel dover lasciare andare familiari, amici, conoscenti e concittadini senza aver davvero avuto il modo di dir loro addio. Le cerimonie funebri portano con sè grande dolore, ma costituiscono anche momenti fondamentali per cercare di dare senso ad una fine.

Il Covid ci ha tolto tutto questo, lasciandoci soli nel tentativo di razionalizzare il dolore. Per questi motivi pensiamo sia fondamentale rendere visibile e vivo un luogo-simbolo che ci tenga uniti come comunità nel ricordare familiari, amici, sanitari, volontari, concittadini che ci hanno lasciato.

Quale luogo, quale simbolo? Forse potremmo farci aiutare nella scelta dai nostri ragazzi, che stanno pagando a caro prezzo questo periodo. Proviamo a dar loro la parola e noi adulti proviamo a realizzarla!

Author: redazione

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.